Il consorzio di bonifica Ombrone Pistoiese Bisenzio è stato soppresso il 28 febbraio 2014.

A decorrere dal 1° marzo 2014, il Consorzio di bonifica 3 Medio Valdarno subentra in tutti i rapporti giuridici attivi e passivi e nelle funzioni del Consorzio di bonifica Ombrone Pistoiese Bisenzio.

Commissario Straordinario

Paolo Bargellini

Dal 1 gennaio 2011, a seguito della naturale scadenza del mandato degli Organi consortili eletti l'11 dicembre 2005, il Presidente uscente Paolo Bargellini , nato a Pistoia il 30 Maggio 1946, imprenditore, ha assunto la carica di Commissario Straordinario, ai sensi dell'art.2 della Legge Regionale 5 agosto 2010 n. 47 "Disposizioni transitorie in materia di organi dei consorzi di bonifica".

Con detta norma, al fine del contenimento della spesa, la Regione Toscana ha bloccato le procedure elettorali per il rinnovo degli organi in scadenza dei consorzi di bonifica, nelle more dell'emanazione di un testo unico in materia di difesa del suolo, nell'ambito del quale provvedere al riordino del comparto della bonifica, secondo gli indirizzi della Conferenza Stato-Regioni del 18 settembre 2008, in attuazione dell'art.27 del D.L. 248/2007.

Il termine del mandato del Commissario Straordinario, già fissato al 31 dicembre 2011 con L.R. 5 agosto 2010 n. 47, è stato prorogato al 31 dicembre 2012 con l'art. 55 della L.R. 27 dicembre 2011 n. 66.

Con l'art. 35 della Legge Regionale 27 dicembre 2012 n. 79 le funzioni del Commissario Straordinario sono state infine prorogate fino alla costituzione dei nuovi Consorzi di bonifica previsti dal riassetto regionale.

Compiti e funzioni del Commissario Straordinario:

Ai sensi della Legge Regionale 5 agosto 2010 n. 47:
- Il Commissario Straordinario esercita le funzioni di ordinaria amministrazione che, in base alla legislazione vigente, sono di competenza del Presidente del consorzio di bonifica, del Consiglio dei Delegati e della Deputazione Amministrativa.
- Il Commissario straordinario adotta gli atti di straordinaria amministrazione solo se necessari e urgenti nel caso in cui la loro mancata adozione determini un pregiudizio per il consorzio di bonifica, previa acquisizione della autorizzazione della stessa Giunta regionale, che provvede al rilascio sentita la provincia territorialmente interessata. I criteri per l'individuazione degli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione sono stati definiti dalla Giunta regionale con la deliberazione 195 del 12 marzo 2012.
- Restano ferme le disposizioni della Legge Regionale 5 maggio 1994 n. 34 relative al controllo della Provincia sugli atti dei consorzi.
- Le funzioni e attività poste in essere dal Commissario Straordinario nonché i rapporti a qualsiasi titolo instaurati, sono oggettivamente e soggettivamente imputati al Consorzio di bonifica.
- In caso di cessazione del Commissario Straordinario, la Provincia competente ai sensi della Legge Regionale 5 maggio 1994 n. 34 provvede alla relativa sostituzione.

Ai sensi dell'art. 35 della Legge Regionale 27 dicembre 2012 n. 79 operano sulla base dei bilanci e degli atti di programmazione in essere alla data di entrata in vigore della stessa legge ed effettuano la ricognizione della situazione patrimoniale, economica e finanziaria in essere alla data di prima convocazione dell'assemblea consortile del Consorzio in cui l'Ente amministrato verrà accorpato.